Mercoledì 23 Maggio 2018

 

***AHO', ANVEDI PINOCCHIO*** 

********(STROFE 160)*******

 

Se dice " c'era 'na vorta " e te viè

de pensà a castello fatato e...regno;

e ce pensi a li cortiggiani e al re.

Ma c'era 'na vorta 'n pezzo de legno

e, invece delle ricchezze... artrochè,

era una bottega e de poco impegno.

L'attrezzi e 'na catasta de legname:

nun c'erano dubbi, era 'n falegname.

 

2

Sor Cijeggia cjaveva rosso er naso

quanno  beveva quer goccio de Chianti;

un tronchetto nun se lo prese a caso...

"Er mejo -se disse- nun ce so' santi:

pe' quella zampa ar tavolo a Tomaso;

me lo prenno ar volo tra tutti quanti".

Così prese l'accetta e, pe' sgrossà,

sentì 'na voce che stava a chiamà.

 

3

"A' sor Cijeggia, nun me menà forte...",

disse sta vocetta che ce piagneva;

e cò 'na botta lo mancò du' vorte:

che fifa e... che tremarella cjaveva.

Guardò l'armadio,aprì,chiuse le porte,

poi annò per strada, quasi ce rideva.

"De  li vecchi oramai tengo le croci:

ce so' mezzo sordo e sento le "voci"."

 

4

Riprese la scure e dette 'na botta...

"Ajo - risentì e se sentiva brillo -

ajo, che male,la corteccia è rotta...

m'hai fatto male, riesci a capillo...".

Sartò su come a 'na cosa che scotta,

guardò dovunque e sentiva lo strillo.

Restò de stucco da quello spavento:

se mise a sede, ce credeva a stento.

 

5

La vocetta adesso se n'era annata,

e la voce sua... nun c'era più

ma, quanno un filo j'era ritornata,

parlò da solo e come...Berzebbù:

"Da 'sto pezzo de legno c'è arivata...

da stò ciocco e come quelli laggiù:

e lo sbatacchio, come 'na campana,

da sentillo strillà... 'na settimana ".

 

6

Cosicché, sor Cijeggia, lo frullò

sulle cataste tutte lì ammucchiate;

ma quello de strillà se ne scordò.

A lui venne de fasse du' risate:

"Co' un goccetto, già me capitò...

ma voci... nun m'erano capitate.

Er Chianti è bono ma me pare un gioco:

bevo e me vedo un firm...te pare poco."

 

7

"Er ciocco mica grosso,ma se sente,

io te l'ho lanciato come un siluro,

ma cio' la paura che se risente;

vojo cantà e me ce sento sicuro:

"Er barcarolo vaaa controcorente...",

e pijò quella pialla lì sur muro...

Fu così che, mentre se la cantava,

er tronco de legno se lo piallava.

 

8

"Sor Cijeggia me stai a pizzicà...

me ce sento solleticà sur còrpo...",

e pe' du' minuti a  restacce  là

che je ce pijò, furminato, un corpo.

Lì per tera se prese a strofinà,

ma  movennose, manco fosse porpo;

ner  sentisse  un tinticarello pazzo,

c' era rimasto tutto paonazzo.

 

9

Ma che giornata, nata proprio storta,

stava per tera e nun se ripijava,

e, a quer punto, fu bussato alla porta.

"Entrate pure..." e restò dove stava,

aprì un vecchietto, la parucca corta:

cò quer giallo 'na...polenta sembrava.

Li regazzini e pe' fallo arabbià...

"Polentina" je stavano a strillà.

 

10

Disse, era simpatico 'sto vecchietto:

"Sor Cijè, ma che dite le preghiere?".

"Mannaggia -je rispose- sor Geppetto,

me ce so' voluto beve un bicchiere,

ma era bono, era proprio benedetto...";

"Io ce penso e tutte quante le sere-

disse  Geppetto- nun cjò un nipotino,

e vojo che tu me fai... un burattino."