Mercoledì 24 Ottobre 2018

 

101

Pinocchio ar mare cò li tòni e lampi

venne sbattuto a riva da un'ondata,

e un pescione je disse,dio ne scampi,

che lì ogni cosa se l'era magnata:

era affamato de tonni e de scampi;

ma artra robba nun era rifiutata.

I pescatori a dì: "Questa sderena,

gnente ce se pesca cò 'sta balena."

 

102

Pinocchio annò ar paese spaventato,

e se parlava solo de 'sto pesce.

Ognuno povero era diventato:

senza pescà,de magnà gnente ne esce.

"Te dò -disse uno- se hai lavorato:

ah,ma de lavorà nun te riesce...".

"Vojo fa la vita de...Michelaccio-

diceva- a lavorà che me ne faccio."

 

103

Come disse a carbonaj e muratori

che je dicevano de lavorà

(quanno te li scambiava pe' signori),

je cjannò a chiedeje la carità.

A 'na donna cò 'na brocca, lì fori,

je chiese de potecce beve là.

"Portala -rispose- fino alla porta,

non solo ti dò cibo,anche la torta."

 

104

Pinocchio a malincore la portò,

e tutto lesto se n'entrò in cucina:

ripulì tutto quello che trovò...

Guardava la donna ch'era vicina:

e i capelli turchini je osservò;

ce barbettava: "Fa- fa- fa- fatina...

quanto cjò patito, ma cjò sofferto,

de ripescavve però n'ero certo."

 

105

Ma nun voleva fasse riconosce

e je lo negò d'esse lei la fata;

poi ammise ma lui:"Dalle chiome rosce

me so' accorto...come sete cambiata...";

"Come va..."; "Pe' me solo cose mosce,

sei la mamma, sempre desiderata."

"Se -disse lei- ti ci comporti bene:

non voglio sentire di brutte scene".

 

106

Er giorno dopo a Scola Comunale,

già ar cancello ce sentì 'na risata:

tutti i regazzini su pe' le scale

a faje smorfie, tutta 'na fischiata.

A 'sto carosello ce stava male:

tornò dietro cò tutta la brigata.

"Vojo sta solo,vojo stà alla spiaggia,

però, questi sempre dietro, mannaggia."

 

107

E sulla spiaggia le bòtte a volà:

tutti per naso te l'acchiappavano;

e tutti i libbri ciascuno a tirà.

Insomma tutti je ce menavano;

e i libbri ce se misero a lancià,

anche a Pinocchio je li tiravano.

Presero in testa Euggegno e cascò,

lì, svenuto per tera ce restò.

 

108

E scapparono tutti i combattenti

(solo così se ponno definì),

artrochè da regazzini-studenti.

Le mani in testa, ce restò così,

e sentì de dietro de' passi lenti:

c'erano du' carabbigneri lì.

Tutta la storia c'era da spiegà,

e ar "Comando" lui ce doveva annà.

 

109

Fecero soccore quer regazzino

da pescatori pe' annà all'ospedale,

e se misero in mezzo er burattino

pe' portallo ar "Comando Generale".

Spirava un ventaccio, come 'n'inchino

levò quer cappello ch'era un giornale.

Je corse appresso ma così lontano

che lo persero de vista,era umano.

 

110

E, però, da un campo de pomodoro

je cjaizzarono un cane feroce:

"Cori, vai...prennelo...và Alidoro...",

Pinocchio ce se sentiva la voce;

poi da dentro d'un tubbo uscì dar foro,

e sentiva abbajà...'na fifa atroce.

Riprese a core pe' ore cor mastino:

era sera e arivò ar mare er matino.