Mercoledì 24 Ottobre 2018

 

31

A vedesse  i piedi ce s'è ammattito,

e strillò tutt'er fiato dalla gola,

e ce se toccava i diti, ogni dito

ch'era stato strofinato alla mola.

"Adesso ce vò cappello e...vestito,

perchè da domani poi annà a scola.

Vado dar libbraio..." disse Geppetto,

e tornò cor libbro e senza giacchetto.

 

32

Pinocchio cor gilè lo vide entrà,

e disse: "Er giacchetto te sei scordato...".

"Nò, Pinocchietto, e dà retta a papà:

nun fa freddo e nun me lo so' portato".

Er Pinocchio ce se mise a pensà,

però, poi se l'abbracciò stretto stretto.

"Papà, te vojo dì 'na cosa sola:

grazzie, me ce comporto bene a scola."

 

33

Quell'indomani nun nevicava più,

e co' quer libbro ce se incamminò;

quanno sentì un gran chiasso da laggiù:

proprio quer tendone e... lo richiamò.

Ma che è..."Magnafoco magna e' ragù":

quattro sòrdi, venduto er libbro entrò.

Geppetto cor freddo, co' lui ar tendone

senza nè libbro e scola...un capoccione.

 

34

Lì, dentro quer locale era affollato,

quanno entrò indicavano stò nasone.

Dar parcoscenico l'hanno chiamato,

e lo chiamò pe' primo Balanzone;

poi Gianduja je tirò er cioccolato.

Quanno fu chiamato e da Pantalone...

la gente tutta insieme fece er coro:

Pinocchio decise a salì da loro.

 

35

Ballarono insieme 'na tarantella,

e te venne fori pure Arlecchino,

Colombina, Rosaura e Brighella,

Mammutone e c'era anche Meneghino.

Pe' Pinocchio la maschera più bella

era quella romana, Rugantino.

Cantò sur parco, lo chiamò la gente:

"Er barcarolo vaaa controcorente...".

 

36

Se sentì 'na voce e dar tono roco,

e tutti s'azzittirono all'istante:

ed era de certo quer... Magnafoco

che dar camerino sentì er cantante.

Spuntò cò 'na frusta, nun era gioco,

e strillava cò la voce tonante:

"Lo spettacolo m'hai rovinato?

Cor legno tuo cocio lo stufato".

 

37

Finita quella recita chiamò:

"Mettete Scarabbocchio ar focolajo",

e sverto Arlecchino je lo portò,

mentre Purcinella pe' fa 'no sbajo

lungo lì per tera ce scivolò:

ce se mise a ride er burattinajo,

ce se sentì così de bonumore,

e je se intenerì a quer punto er core.

 

38

"Viè qua Scarabbocchio, nun ce tremà,

perchè quanno me ce viè 'no starnuto

vordì, eh, che me la devo da piantà

de facce l'orco, perciò nun discuto:

dimme e come stanno mamma e papà?

Lui sulle prime ce rimase muto,

ma lo guardò co' la coda dell'occhio,

e disse: "Però chiamame Pinocchio...".

 

39

"Nun solo legno ma pino preggiato,

e pensa che foco me ce facevi,

però 'n'amico me sei diventato.

Ma tu er montone come lo cocevi,

perciò Arlecchino dev'esse bruciato,

e...sbirri portatelo in tempi brevi...".

E lui ner piagne:"Eccellenza te invoco,

sarvalo Arlecchino... e dateme foco...".

 

40

Co' li singhiozzi tutti i burattini

a quella scena, così sconvorgente,

piagnevano che manco i regazzini.

Ma 'no starnuto je venne e potente,

e disse: "Annatevene a' bastoncini,

che nun ve posso dà foco pe' gnente."

Abbracciò Pinocchio,lo baciò in testa,

sti burattini... ammappela che festa!