Venerdì 17 Agosto 2018

 

51

"De essece regazzini è 'na sventura,

tutti a dà consiji, tutti a sgridà:

e questo sì e questo nò,che premura,

e li grilli a fa così, a fa cosà...

Lo sai che te dico, chi se ne cura,

so' capace e anche solo de campà...".

Da se parlava e ner boschetto entrò,

e quarcosa dietro de lui frusciò...

 

52

Se vortò e vide due imbacuccati

dentro sacchi neri com'er carbone.

Li zecchini in bocca s'era ficcati,

e quelli lì: "Dacce i sòrdi nasone...

qui te rincoremo pe' tutti i prati...".

Lui vortò le tasche der pantalone:

"Gnente" disse,je sonarono i sòrdi:

so' quei momenti propio... balordi.

 

53

"A' testa de legno, devi sputà...",

lo presero per naso,per la gola,

pareva nun c'era gnente da fa,

e pensarono a 'na magnera sola:

cò 'na cosa a volello puncicà.

Dalla paura ce se fece...viola:

je mozzicò 'na mano e je staccò

un pezzo che lì per tera sputò.

 

54

Pinocchio sentì miagolà,'no strillo,

e cominciò a core e più che poteva,

ma a core così e se sentiva brillo:

sempre dietro quarcuno je coreva.

Su 'n'arbero, come avesse 'no spillo,

ce s'attaccò alla cima, nun scenneva.

Se misero 'a legna secca ammucchià,

e, dopo, quer montarozzo a brucià.

 

55

In un momento e nun se respirava,

e Pinocchio ner fumo era sparito.

Gatto,vorpe 'sta coppia l'aspettava:

sicuri... era lassù...aveva tossito...

Però lui tossiva e...se la filava:

era sartato e de fumo riempito.

A poca distanza stavano adesso,

e l'imbacuccati a coreje appresso.

 

56

Intanto era l'arba, ce se vedeva,

e se girò a guardà li ceffi strani:

aò, da li piedi e se n'accorgeva

ch'erano bestie, nun erano umani.

Cancellò i dubbi che prima cjaveva,

e coreva tra arture e tratti piani,

nei fossi diceva:"er fiato me manca",

quanno j'apparve 'na casetta bianca.

 

57

Stava troppo lontana pe' arivacce,

anche perchè er fiato j'era finito,

le scarpe pesanti piene d'erbacce.

Ma, cor fiatone e der tutto sfinito,

se ritrovò sulla porta a bussacce;

quelli a inseguì cjavevano insistito,

e 'na bambina de lì, dei vicini,

s'affacciò,anvedi i capelli turchini.

 

58

Se raccomannò e senza ottenè gnente,

anzi, je richiuse la finestra,anche.

Pe' ore a core la fatica se sente,

je doleva tutto e spece le cianche:

s'abbandonò sulle scale indolente.

La vorpe arivò:"Nò nun semo stanche:

aspetto er compare... s'è ripulito-

a dì- nun je la fa, è stato ferito."

 

59

E teneva per collo Pinocchietto

che stava per tera e disanimato;

e subbito l'arzò quer piccoletto,

e lo portarono ar campo arberato.

Lo svejarono tenendolo stretto:

"Dacce i sòrdi,se n'annamo dar prato,

decidemo a fatte male, artrimenti:

famose a capì e senza complimenti."

 

60

Pinocchio, bocca chiusa, 'na tenaja,

stava impalato lì e unica difesa,

e du' bòtte de punterolo scaja:

er legno duro nun sente 'st'offesa.

"E difatti 'sto coso nun lo taja-

disse 'n'incappucciato- nun fa presa."

La corda ar collo je cjattaccarono:

campa cavallo e l'ore aspettarono.