Venerdì 17 Agosto 2018

 

71

'Na cassa insieme l'hanno sollevata,

ma 'na bara da morto portavano.

"Pinocchio la cura l'hai rifiutata,

e aspettamo che mori" e aspettavano.

Pinocchio a dì: "La medicina, fata",

che 'na vorta presa se n'annavano.

Come la febbre, se n'annò...così,

ricominciò a sartà e corece lì.

 

72

"Ma adesso raccontami di quel fatto-

disse la fata- degli incappucciati".

"E certo fatì ce divento matto...

a capì...quelli erano disgrazziati...".

Je raccontò pe' filo e segno, esatto:

fortuna erano i momenti passati.

Quanno der danaro j'ha domannato,

rispose: "Quarcuno me l'ha rubbato...".

 

73

Er naso de Pinocchio je cresceva,

je diceva de quer danaro perso,

e je s'allungava e ce lo sapeva,

ma nelle bucìe ce stava immerso.

"Dove? Ar bosco- er nasone se vedeva-

inghiottito m'è annato pe' traverso...".

Allora er naso finiva...laggiù,

lei a dije: "Le bugie dici tu...".

 

74

Lo rimproverava (e je dispiaceva),

ma a fa capì che nun doveva dille.

Pinocchio alle frottole ce credeva:

era lei che nun riusciva a capille...

Quanno lui lagrime più nun cjaveva,

je chiamò i picchi,arivarono mille.

Lo beccarono e guasi raso raso,

e Pinocchio ritrovò er propio naso.

 

75

"Ma quanto te vojo bene a fatina-

e l'abbracciò -te vojo tanto bene".

"Anche io, sarò la tua sorellina,

resta qui qualsiasi cosa avviene:

ricorda, ecco, la tua casettina.

Geppetto n'è stato avvisato,viene-

voce suadente la fata -con-ten-ta...

ed anche se crederti ci si stenta".

 

76

"Je vojo annà incontro...papà Geppetto,

fatina e vojo chiedeje er perdono...".

Fori de casa, attraversò er boschetto,

e sentì tra le fronne come un sòno:

c'era quer gatto a sonà 'n'organetto.

La vorpe disse: "Sei er mejo,più bono...",

cantò pe' nun restà senza fa gnente:

"Er barcarolo vaaa controcorente".

 

77

"Aò Pinocchio e com'è stai qui?",

e je raccontò dell'incappucciati,

che lo impiccarono alla quercia lì,

ma i zecchini nu' l'aveva sputati.

La fatina a soccorelo e così

lo sarvò all'arbero dell'impiccati.

Cò rabbia stò gatto arzò lo zampetto

tutto fasciato e che faceva effetto.

 

78

"Oddio -strillò Pinocchio- sei ferito...",

"Gnente -disse er gatto- sarto ostacoli,

'na botta della staccionata ar dito.

Dì ma li sòrdi?", "Ce l'ho, sti cavoli...

li volevano però... ho resistito...";

"Portamoli ar campo dei miracoli...".

Detto fatto annarono e pensa te

sotterarono le monete e in tre.

 

79

La vorpe disse: "Riviè bè n'oretta...",

ce dovevano prima o poi pe' brindà...

cor tempo a 'sta fortuna benedetta.

Se fece un giro Pinocchio a cantà:

ormai era ricco, stava sulla vetta,

fece artri giri e se ritrovò là.

Rami de zecchini... naturarmente...

ma nella buca lì nun c'era gnente.

 

80

Era 'na voce gracchia che parlava:

"Capirai er dolore... a faticà,

che quelle monete - continuava-

gatto e vorpe hanno voluto rubbà...".

Pinocchio su stà buca ce scavava:

diventò che ce poteva... cascà.

Li pappagalli nun ce sò cretini:

gatto e vorpe c'erano malandrini.