Mercoledì 24 Ottobre 2018

 

91

E difatti je disse 'na faina:

"Se tu fai finta de dormì, rubbamo,

e ar casotto mettemo 'na gallina.

Bè, quarcuna la tenemo e filamo;

ma levala prima che viè matina.

Se semo capiti? D'accordo stamo...".

Entrarono ar cancello lì le chiuse:

se mise abbajà senza tante scuse.

 

92

Tutte le faine a dì: "Pensa tu...

stavamo d'accordo cor burattino,

e chiama er padrone cò 'sto bu-bu...

Eccolo cor...fucile er contadino...".

"Contadì, stanno ar pollajo, laggiù-

je disse quanno je stava vicino.

"Ve metto ar sacco,l'oste ve fa cotte...

senza capoccia sembrate leprotte."

 

93

"Come hai fatto a chiudele ar cancello...";

"Ho fatto finta d'accettà l'accordo,

e quanno rubbavano, sur più bello...

perchè de rubbà io nun ce so' ingordo...

Sulle prime ho cercato er campanello,

e ho pensato: "So' un cane...me ricordo,

e cjò abbajato, la gabbia era invasa...";

lui je disse: "Bravo, vattene a casa...".

 

94

Pinocchio, campi,strade attraversò,

e de corsa la quercia se guardava

(da dove appiccato se la scampò).

Dapertutto la fata la cercava,

ma dov'era la casa nun trovò...

mannaggia er posto nun se ricordava,

e rassegnato rincoreva un gatto...

quanno s'una tomba vid'e' ritratto.

 

95

E difatti se sdrajò a ginocchioni:

a piagnece,gesticolà, a strillacce;

coi porsi bagnati dai lagrimoni;

le mani tra i capelli da strappacce.

Lassù dei colombi, anzi colomboni,

in quer momento stavano a volacce.

Scese uno,cercava lui da un pochetto,

che l'aveva incaricato Geppetto.

 

96

"Conosci mì padre? Ma che j'ho fatto...

do' l'hai lasciato, ce vojo annà...".

"Eh-disse er colombo-ma che sei matto:

so' dieci chilometri da qui a là...".

"E allora -disse Pinocchio- de scatto,

lo vado de corsa ovunque a cercà...".

"Vabbè m'hai convinto, sali ar volo:

beninteso, viaggio d'andata...solo".

 

97

A volà finchè er sole era calato,

lassù le vertiggini venivano,

e Pinocchio s'era ar collo avvinghiato.

Tutte le paure je pijavano

dentro le nuvole era...annuvolato,

e sentì ch'er colombo lo chiamavano.

A 'na colombaja ce so' arivati,

e de becchime se ne so' magnati.

 

98

E qui er colombo je dette un bacetto,

e je disse: "Ecco, l'ho lasciato qua:

a chiunque poi chiede de Geppetto:

tutti te lo saprebbero indicà.

'Na barchetta pe' faccese un viaggetto

(pe' cercatte) la strada a preparà.

Ecco, a riva da quelle parti lì...",

je la indicò e preso er volo sparì.

 

99

E quella spiaggia de gente era piena,

er mare in tempesta se lo guardava:

strillavano, nun te dico che scena,

a indicasse 'na barca che oscillava.

"Quello lì mi padre,ma oddio che pena,

a paaa, papaa -Pinocchio je strillava;

da 'no scojo sventolava er cappello,

finchè la barca sparì...poverello.

 

100

E Pinocchio de istinto se buttò,

de bon legno nell'acqua galleggiava:

se vedeva e poi spariva pe' un pò,

de sopra e de sotto all'onda notava.

Dopo parecchio che ognuno guardò

se pensava ar fonno oramai ce stava.

Sulla spiaggia dissero 'na preghiera:

un saluto tra tutti e bonasera.