Domenica 22 Luglio 2018

*

POVERI MA BELLI

*

Alvaro, er tranviere,

imbocca er portone

a ...Piazza Navona !

Cià quell'occasione

de stacce a "pensione".

L'occasioni vere:

ar centro de Roma,

dentro 'na famija,

un letto se pija;

che quanno ariva lui,

je lasciano er posto.

Dorme tutt'er giorno,

poi ai tram er ritorno.

Anvedi che turno...

è da rifuggiato;

lavoro notturno,

è proprio jellato.

La guerra è finita

da più de diecjanni,

e ce so ste storie.

"Sveja...Sarvato',

so' arivato mò...".

Anvedi quell'anni!

*

2

*

Sentì romanesco,

sarà strascicato,

però detto così

è già musicato;

e qui è capitato.

" A moré, stai fresco...

mò me tocca a me...

fa Alvaro, er tranviere.

Le bone magnere:

se scambiano er letto...

casa popolare;

così Salvatore,

a casa discore:

" Continuà a scola?

Me basta vestimme;

vado dar " Ciriola ",

chi sta mejo, dimme...".

Lo stabbilimento

" Il Ciriola " a fiume,

e lui fa er bagnino;

comunque s'addestra

come a 'na palestra:

sta sempre in costume.

*

3

*

Tutti cor dialetto:

case popolari

in mezzo alle statue;

tutti amici cari

e poi, pari-pari,

ringhiera è vialetto

de sta tutti insieme.

J'attacca le case,

e cjanno la base:

Romolo che...magna

sente la sorella:

gnente colazzione...

se blocca er boccone.

Marisa, che lieta,

porta salviettini

e...calze de seta...

"Metti i pedalini...",

je dice Romolo

cor boccone in bocca...

" vabbè...regazzì? "

E gnente da fa,

ce deve aspettà,

ma, presto je tocca.

*

4

*

Sì, e fori de qui,

c'er museo aperto

dietro quer portone...

stenditoio certo,

comunque coperto.

A lui nun je lo dì:

nun vole pensà.

Salvatore, anvedi

ritrovasse a piedi,

e co' la sorella

ce parla un pochetto:

Anna Maria sta...

Romolo a pensà.

Spunta sur balcone

'st'altro romanaccio

ch'è pure un fustone,

ch'è 'n'altro fustaccio.

Co' la guerra...fame:

tutti trasparenti

e mò "statue" in giro;

messe proprio bene;

sangue nelle vene:

li vedi e li senti.

*

5

*

Poi saluti e baci,

de corsa alle scale

scendono insieme

e la scena vale;

da sentisse male:

"A' Roma, ce piaci...

anvedi che fata!

Lì, cambia bottega:

e questa ce strega!

La mejo mai vista:

sirena fatata!

'Na sartoria, ahò,

da omo...se pò?

Ma mica so' seri,

je dà i pantaloni,

ma carzoni veri.

A provà so' boni,

vanno in vetrina..

la serranda chiusa;

lei va fori e chiama:

la tirano su...

manco a chiede...scusa!

*

6

*

"Centro Storico"...eh!

Che era dei...balocchi?

Ahò, quer paese:

qui a strofinà l'occhi,

a piegà i ginocchi:

Giovanna, de che...

è 'n'apparizzione...

statuaria...embeh!

Questa in un momento

la dipinge er vento;

pe' ognuno è diversa:

è come la vò!

Lo sguardo te turba,

soride da furba;

ognuno l'ammira:

je dà appuntamento,

e se li riggira

allo stesso momento.

Je lo dice a parte

e che tremarella

a trovasse insieme!

Lei lì sta aspettà.

Je stanno a parlà:

"Bella! Bella! Bella!".

*

7

*

Così, senza tregua,

vedella girà

è 'n'apparizzione;

questo che sta là

capisce a smammà:

questi stanno in forma,

e ce se dilegua!

Ecco er paragone:

c'è chi cjà l'alone!

Giovanna riluce:

illumina intorno....

'na pista a trovà,

ce vanno a ballà.

Vabbè, mattacchioni,

da come li senti;

senza paragoni...

cjanno sentimenti

che so' casarecci:

vonno pasta ar sugo:

ahò, le sorelle

(che cjanno la luce),

l'amor li conduce...

e Giovanna co'...Ugo!

*

8

*

E' pe' falla corta,

è pe' falla breve:

l'artri so' scherzetti.

Le "Fontane" a beve?

Ma come se deve:

l ' U  n i v e r s i t à...

"Cultura" de scorta:

" Barocco " dei lumi,

è quello dei "Fiumi":

Lorenzo Bernini

espone la sua Arte.

E qui co' la corda

( che nun se scorda ),

ce so' regazzini

a giocà vicino...

vicino ar Bernini

nun sa er regazzino.

Lo saprà da granne,

nun pò fa marameo:

sa tutto de lì.

Se je farà effetto,

sarà  n' architetto:

ha giocato ar " Museo".

*

venerdì, 19 febbraio 2016

*

**************************